martedì 23 ottobre 2018

Il Comune Informa

Il Comune Informa

27
Pubblicato il 27 dicembre, 2017 21:21

Giovedì 21 dicembre 2017 a Firenze i sindaci dei comuni membri dell’Assemblea dell’Autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ATO Toscana Centro, comprendente le province di Firenze Prato e Pistoia, hanno approvato il Piano Economico Finanziario 2018-2020. Questo finalmente, per il Comune di Chiesina Uzzanese come per quasi tutta la Valdinievole, segna l’inizio del tanto agognato passaggio al porta a porta per la raccolta rifiuti che dovrebbe concludersi entro il 2018. In questi anni, caratterizzati dalle problematiche relative a questo servizio, ho ripetuto fino alla noia che saremmo passati a questo tipo di raccolta solo quando si fosse conclusa la gara d’appalto per il gestore unico perché questo mi era stato detto fin dal 2010. Ricordo nuovamente a tutti, soprattutto al PD chiesinese che recentemente mi ha accusato di non aver mantenuto la promessa del passaggio al porta a porta, che la Toscana è stata divisa in Ambiti Territoriali Ottimali (ATO) e che dal 1° gennaio 2012 l'Autorità ATO Toscana Centro si occupa di programmazione e organizzazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani per le province di Firenze, Prato e Pistoia ed ha gestito la gara per l'affidamento del servizio al gestore unico che, per svariate vicissitudini dato anche l'enorme importo di gara,  purtroppo si è conclusa solo quest’anno. E sì che tutto questo lo ha stabilito la Regione Toscana e quindi il PD Toscano ma evidentemente qualcuno si è scordato di avvisare i militanti di Chiesina Uzzanese  Il problema dell'abbandono dei rifiuti per il nostro territorio è aumentato in questo ultimo periodo anche per comportamenti criminali come dimostra l'inchiesta in corso per l'abbandono di rifiuti di natura tessile provenienti da altri territori, come il pratese, favorito dalla presenza del casello autostradale. Il Comune ha affrontato questa situazione con gli uomini ed i mezzi che ha, installando per primi in Valdinievole telecamere di sorveglianza, ma ovviamente non è possibile controllare 400 cassonetti, con sanzioni che spesso e volentieri sono state annullate dopo i ricorsi. Anche sulla presunta mancanza di un progetto per la raccolta porta a porta, sempre lamentata dal PD chiesinese che francamente imbarazza per l'assoluta ignoranza della materia, voglio rassicurare. Il progetto esiste da svariati anni, cioè da quando esiste l'ATO Toscana Centro, si chiama Piano di Ambito ed ovviamente è stata la base sulla quale si è effettuata la gara per il gestore unico ed è quello che è stato approvato giovedì 21 dicembre a Firenze. Proprio in virtù di questo piano il Comune di Chiesina Uzzanese, insieme ad altri della Valdinievole, sarà il primo nel corso del 2018 a passare al porta a porta. Non sappiamo ancora quando comincerà effettivamente anche perché il percorso è lungo e la cittadinanza dovrà essere informata e formata. La cosa certa è l'aumento delle tariffe sia perché le nostre attuali sono più basse degli altri comuni sia perché, ovviamente, aumenta il costo del tipo di servizio di raccolta. Da parte nostra cercheremo di limitare questi aggravi, come abbiamo sempre fatto con tutte le tariffe, ma sarà indispensabile un comportamento responsabile e civile da parte di tutti che siamo convinti, dopo un normale periodo di rodaggio, porterà ad un aumento dei rifiuti riciclati, che in Toscana per legge devono raggiungere il 70%, e ad una diminuzione del costo del servizio.


Il Sindaco Marco Borgioli

Pubblicato nella categoria: Comunicazioni
Azioni: E-mail | Permalink |